NEWS

07 luglio 2015
PENSARE OLTRE - PERCHÈ I BAMBINI DI OGGI, SONO GLI UOMINI DI DOMANI

La moda di “diagnosticare” i comportamenti o le difficoltà di bambini e adolescenti come “disturbi” trattati come specifiche malattie da curare senza nessuna analisi medica oggettiva è una piaga della nostra società.

Colpisce i nostri piccoli levando alla famiglia il suo ruolo fondamentale di educatori e guida alla crescita.

Papà di due figlie, in questi oltre dieci anni vissuti nel mondo della scuola, ho osservato che la crescente “moda di etichettare” i bambini di “disturbi” di ogni genere, usando nomi che sembrano scientifici come: Dislessia, Discalculia, deficit d’attenzione e iperattività, disgrafia ecc., cancella da questa società ogni valore educativo e sano per l’infanzia così da trasformare la vita in un problema da: “curare”.

Come imprenditore ho deciso di parlare a molti e sostenere il progetto di PENSARE oltre, associazione no-profit, attraverso la distribuzione, ai propri dipendenti, dei bei libri sviluppati grazie ai disegnatori di fumetti di Lupo Alberto, Cattivik o della Winx perché grazie alla conoscenza e condivisione di un messaggio educativo su una vera coscienza responsabile verso i nostri bambini, si possono sensibilizzare i molti su un tema consapevole e reale a ognuno.

Pur essendo libri a fumetti, il contenuto è principalmente destinato ai genitori, con una comunicazione semplice e diretta per far comprendere un tema delicato che ci coinvolge tutti.

Perché i bambini di oggi, sono gli uomini di domani.

Per ulteriori informazioni sulle attività di PENSARE Oltre, clicca sul link http://www.pensareoltre.org/index.php/it/

Di seguito l’intervista fatta da TGCOM 24 a Elisabetta Armiato,   Étoile del Teatro alla Scala https://www.youtube.com/watch?v=L-oxcrX5EzU                                                                                                                                                                           

                                                                                                                             Maurizio Galimberti